Ricerca

Calendario

< Novembre 2017 >
DOLUMAMEGIVESA
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
I santi del mese

Temi


Il tuo browser potrebbe avere problemi nell'utilizzare Java o Flash. Prova a ricaricare la pagina, se no peccato, sarebbe molto più carino se funzionasse... E se no, usa Firefox che funziona sempre

Agenda
Edito    notizie    Formazione adulti    Giovani    Bambini
Liturgie cittadine    Liturgie in parrocchia    Liturgie diocesane    Musica in Cattedrale    Incontri per i genitori
Catechisti    Attività caritative    Rosario    Monastero    S. Spirito
Gruppo Cresima    Cultura    Scoutismo    Audio    Video
Foto    Azione Cattolica Adulti    Conferenza S. Vincenzo    Gruppo missionario    Animatori
Incontri per fidanzati    Gruppo Chitarre    

News

Attività

  • Che gioia la catechesi!

    il 8 ottobre 2017

    Oggi inizia ufficialmente l’anno di catechesi per i nostri ragazzi delle parrocchie sorelle di S. Ignazio e del Duomo. La comunità cristiana si mette a fianco delle famiglie che desiderano offrire (...)

    Segue...

  • Estate Insieme 2017

    il 2 luglio 2017

    Oltre 90 bambini iscritti, oltre 20 gli animatori, due le quadrate responsabili, per una nuova bella proposta della nostra comunità aperta ai ragazzi di tutta la città. Dalle 8.30 alle 12.30 dal (...)

    Segue...

  • Atti della comunità dei Santi Ilario e Taziano in Gorizia

    il 2 luglio 2017

    Gli Atti della Comunità dei Santi Ilario e Taziano in Gorizia Come abbiamo agito Anche nella nostra comunità abbiamo accolto l’invito di lasciarci coinvolgere dagli Atti degli Apostoli, guidati (...)

    Segue...

L’ultimo foglio INSIEME

La liturgia del giorno

L'immagine del giorno

L'audio del giorno

Iscrizione alla newsletter

Ultimi articoli

  • Creativi, grazie a Cristo

    Rubrica La Parola della settimana il 18 novembre 2017

    Chissà se abbiamo la consapevolezza che il comando dell’amore di Dio e del prossimo, che Cristo ci ha affidato prima di “partire per un viaggio” verso il Padre, ha un valore altissimo, corrisponde a un capitale immenso (...)

    Segue...

  • La famiglia che prega

    Rubrica Amoris laetitia il 18 novembre 2017

    È opportuno incoraggiare ciascuno dei coniugi a prendersi dei momenti di preghiera in solitudine davanti a Dio, perché ognuno ha le sue croci segrete. Perché non raccontare a Dio ciò che turba il cuore, o chiedergli la (...)

    Segue...

  • Giornata mondiale dei poveri

    Rubrica Le "Giornate" della Chiesa il 18 novembre 2017

    Istituita da Papa Francesco a partire da quest’anno, ci ricorda che il legame tra Vangelo e amore dei poveri è antico come la Chiesa, e ne troviamo testimonianza dal Nuovo Testamento all’epoca antica, dal Medioevo ai (...)

    Segue...

  • Agenda della settimana (19/11/17)

    Rubrica News il 18 novembre 2017

    Lunedì 20/11 alle 20.30 in Pastor lettura comunitaria del Vangelo di Matteo 25, 31-46. Martedì 21/11: Presentazione della Beata Vergine Maria, Giornata mondiale delle claustrali. Ricordiamo le nostre Clarisse. (...)

    Segue...

  • Pillole di...

    Rubrica Pillole di... il 18 novembre 2017

    «Siamo vignaioli, non proprietari della vigna. E un giorno dovremo render conto della nostra arroganza, di quanto ci è stato dato perché tutti ne beneficiassero, dei frutti che Tu giustamente ti attendevi da noi». (...)

    Segue...

  • Non sprovveduti, grazie a Cristo

    Rubrica La Parola della settimana il 11 novembre 2017

    Soffermiamoci qualche istante, soprattutto con il sentimento, davanti a quel portone irrimediabilmente chiuso, proprio di fronte a me. Da dentro, risa, musica, gioia. Qui invece buio, freddo, solitudine e tristezza. (...)

    Segue...

  • Sorprendersi insieme

    Rubrica Amoris laetitia il 11 novembre 2017

    I giovani sposi vanno stimolati a crearsi delle proprie abitudini. È buona cosa darsi sempre un bacio al mattino, benedirsi tutte le sere, aspettare l’altro e accoglierlo quando arriva, uscire qualche volta insieme, (...)

    Segue...

La Parola della settimana

Creativi, grazie a Cristo

Chissà se abbiamo la consapevolezza che il comando dell’amore di Dio e del prossimo, che Cristo ci ha affidato prima di “partire per un viaggio” verso il Padre, ha un valore altissimo, corrisponde a un capitale immenso paragonabile alle cifre considerevoli di cui ci racconta oggi il Vangelo. Cinque talenti corrispondevano a circa l’1% del gettito fiscale di Israele nei confronti di Roma.

La bella notizia - il Vangelo - è che siamo proprio noi quei tre dipendenti, promossi sul campo a collaboratori e amministratori di beni straordinari che il Signore ci ha affidato.

Con una libertà e autonomia che ci stupiscono e ci devono inorgoglire: non controlla quel ricco signore, non interviene malamente, non tormenta, ma lascia piena autonomia e libertà. Come accade a noi con lo splendido dono di Dio che è la nostra vita.

Il ricchissimo capitale che ci ha affidato il Signore Gesù è il comando dell’amore: amore di Dio con tutto se stessi e del prossimo come se stessi. E il modo per ben utilizzarlo qual è?

Due stili differenti, ma alternativi, ci presenta la parabola dei talenti. Il secondo modo di fare è riprovato dal Signore. Corrisponde alla passività, al restare sempre uguali a noi stessi, al non muoversi, al non osare. Cioè a non amare.

“Non ho ucciso, non ho rubato, non ho tradito…”. Ma in realtà non ho agito, ho fatto finta di non vedere, non ho dato - magari neanche nella raccolta delle offerte domenicali -, forse neppure ho risposto “amen” durante la liturgia. Non c’è scampo per un cristiano che agisce - anzi, non agisce - così.

Il primo modo di agire che la parabola ci fa vedere, invece, è lodato dal Signore. Significa mettersi in gioco, agire usando il capitale di amore ricevuto amando a propria volta, ciascuno secondo le proprie possibilità. In questo modo, quando il Signore ritornerà, saremo nella gioia con lui.


O Padre, fa’ che la nostra buona volontà moltiplichi i frutti della tua provvidenza; rendici sempre operosi e vigilanti in attesa di sentirci chiamare servi buoni e fedeli, e così entrare nella gioia del tuo regno. Amen.


Dal Vangelo di Matteo 25,14-30

«Avverrà come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì».