Ricerca

Calendario

< Marzo 2015 >
DOLUMAMEGIVESA
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    
I santi del mese

Temi


Il tuo browser potrebbe avere problemi nell'utilizzare Java o Flash. Prova a ricaricare la pagina, se no peccato, sarebbe molto più carino se funzionasse... E se no, usa Firefox che funziona sempre

Agenda
Edito    notizie    Formazione adulti    Giovani    Bambini
Liturgie cittadine    Liturgie in parrocchia    Liturgie diocesane    Musica in Cattedrale    Incontri per i genitori
Catechisti    Attività caritative    Rosario    Monastero    S. Spirito
Gruppo Cresima    Cultura    Scoutismo    Audio    Video
Foto    Azione Cattolica Adulti    Conferenza S. Vincenzo    Gruppo missionario    Animatori
Incontri per fidanzati    Gruppo Chitarre    

News

Attività

  • I Patroni di Gorizia

    il 22 marzo 2015

    Lunedì 23/03 alle 20.30 presso il teatro Bratuž in viale XX Settembre 85 incontro con Paolo Rumiz, che commenterà le parole di papa Francesco “Una terza guerra mondiale combattuta a pezzi”. Incontro (...)

    Segue...

  • Ilario e Taziano Patroni di Gorizia

    il 14 marzo 2015

    Lunedì 16/03 alle 10.30 la Solenne Concelebrazione, alla presenza delle autorità, presieduta da S.E. mons. Carlo Redaelli con la Benedizione alla Città. Alle ore 18.00 al Teatro Verdi la Consegna (...)

    Segue...

  • Nuovo sito in costruzione della Cattedrale

    il 8 marzo 2015

    Ecco il nuovo sito, ancora in costruzione, della Cattedrale. Fateci pervenire osservazioni e suggerimenti, all’indirizzo mail: cattedrale@arcidiocesi.gorizia.it. Sarà per noi prezioso tenerne (...)

    Segue...

L’ultimo foglio INSIEME

La liturgia del giorno

L'immagine del giorno

L'audio del giorno

Novità sul Web

Pastorale Giovanile - Arcidiocesi di Gorizia

Arcidiocesi di Gorizia

Ordine Francescano Secolare del Friuli - Venezia Giulia

Azione Cattolica Italiana | Homepage

Concordia et Pax (in costruzione)

Chiesa Cattolica Italiana

Galleria immagini di Pastor Angelicus Gorizia

Iscrizione alla newsletter

Ultimi articoli

  • Stare vicini a Gesù

    Rubrica La Parola della settimana il 29 marzo 2015

    Attorno all’Innocente Crocifisso vediamo semplici e splendidi segni di umanità nuova, assieme a tante azioni disumane e alla fragilità dei discepoli che credono in lui. Ce ne offre uno innanzitutto quella donna (...)

    Segue...

  • Il Kerygma

    Rubrica Evangelii Gaudium il 29 marzo 2015

    “Gesù Cristo ti ama, ha dato la sua vita per salvarti, e adesso è vivo al tuo fianco ogni giorno, per illuminarti, per rafforzarti, per liberarti”. È l’annuncio che risponde all’anelito d’infinito che c’è in ogni cuore (...)

    Segue...

  • Interpellati dal Servizio civile

    Rubrica News il 29 marzo 2015

    Come dare qualità alla vita e valore aggiunto al Servizio Civile perché educhi i giovani alla cittadinanza responsabile. Questo l’intervento del Segretario della CEI mons. Galantino a Roma valorizzando questa (...)

    Segue...

  • Settimana Santa

    Rubrica Tempi forti il 29 marzo 2015

    La Grande Settimana, cuore della nostra fede, si apre con il racconto della Passione del Signore e si chiude con l’annuncio della risurrezione. Riviviamo con Cristo i “misteri” (cioè gli eventi) della fede. Partecipiamo (...)

    Segue...

  • Agenda della settimana (29/03/15)

    Rubrica News il 29 marzo 2015

    QUARANTA ORE: adorazione eucaristica e confessioni dalle 16.00 alle 19.00 dal 29 al 31/03. Con il ritorno dell’ora legale, le messe serali vengono celebrate alle 19.00. È possibile chiedere la comunione pasquale per (...)

    Segue...

  • Pillole di...

    Rubrica Pillole di... il 29 marzo 2015

    «Cristo non era re per esigere tributi o armare un esercito e combattere visibilmente dei nemici. Egli è re per reggere le anime e proteggerle in eterno, per condurre nel regno dei cieli coloro che credono, sperano e (...)

    Segue...

  • Stare con Gesù

    Rubrica La Parola della settimana il 22 marzo 2015

    In Gesù si nasconde il segreto per essere uomini nuovi. Lo intuiscono forse quegli uomini che a Gerusalemme desiderano vedere Gesù. E si danno da fare i vari Filippo e Andrea, formando una piccola catena di (...)

    Segue...

La Parola della settimana

Stare vicini a Gesù

Attorno all’Innocente Crocifisso vediamo semplici e splendidi segni di umanità nuova, assieme a tante azioni disumane e alla fragilità dei discepoli che credono in lui.

Ce ne offre uno innanzitutto quella donna misteriosa che, pochi giorni prima della passione, onora Gesù ungendolo di profumo: un’offerta di sé totale, simboleggiata dalla rottura irrimediabile del prezioso vasetto ricolmo di aroma. È un segno anche per noi, che a volte siamo avari verso il Signore Dio, noi che misuriamo quanto gli diamo in tempo, cuore, denaro.

E oltre a questo, capita che assomigliamo un po’ anche a Simon Pietro. Siamo sempre vicini a Cristo, infatti, perché magari pratichiamo la liturgia, a volte collaboriamo nella comunità cristiana oppure non fosse altro perché siamo battezzati. Ma ci basta un nonnulla, una tendenza del mercato o un orientamento della gente, perché la nostra vita pratica si discosti anche molto dal Signore e dal suo modo di essere.

Diversa invece è la bella figura di Simone di Cirene. Si trova a portare una croce non richiesta e neppure sua, privato della possibilità di scegliere e costretto con la forza, proprio quando torna dal lavoro nei campi, magari pregustando progetti di riposo o di lavoro per la sua casa. Egli condivide con Gesù il peso del patibolo, gli oltraggi, magari gli sputi e qualche colpo male inferto al Signore e che colpendolo per sbaglio gli avrà fatto anche male. E porta a termine un compito che si chiuderà con la morte del condannato, non con la vita o la guarigione.

Eppure viene ricordato come "il padre di Alessandro e Rufo", quasi a dire uno che genererà giovani conosciuti dalla comunità, padre di figli credenti.

Simone di Cirene esce dall’anonimato della folla, ora osannante ora condannante. Stando vicino a Gesù, diventerà un uomo nuovo.


Accresci, o Dio, la fede di chi spera in te, e concedi a noi che abbiamo recato i rami di ulivo in onore di Cristo trionfante, di rimanere uniti a lui, per portare frutti di opere buone. Amen.


Dal Vangelo di Marco 14,1-15,47

Dopo essersi fatti beffe di lui, lo spogliarono della porpora e gli fecero indossare le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo. Costrinsero a portare la sua croce un tale che passava, un certo Simone di Cirene, che veniva dalla campagna, padre di Alessandro e di Rufo. Condussero Gesù al luogo del Gòlgota, che significa «Luogo del cranio».