Ricerca

Calendario

< Settembre 2014 >
DOLUMAMEGIVESA
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    
I santi del mese

Temi


Il tuo browser potrebbe avere problemi nell'utilizzare Java o Flash. Prova a ricaricare la pagina, se no peccato, sarebbe molto più carino se funzionasse... E se no, usa Firefox che funziona sempre

Agenda
Edito    notizie    Formazione adulti    Giovani    Bambini
Liturgie cittadine    Liturgie in parrocchia    Liturgie diocesane    Musica in Cattedrale    Incontri per i genitori
Catechisti    Attività caritative    Rosario    Monastero    S. Spirito
Gruppo Cresima    Cultura    Scoutismo    Audio    Video
Foto    Azione Cattolica Adulti    Conferenza S. Vincenzo    Gruppo missionario    Animatori
Incontri per fidanzati    Gruppo Chitarre    

News

Attività

  • Prepariamoci alla catechesi

    il 6 settembre 2014

    Crescere non soltanto nelle abilità fisiche e nelle capacità sportive e neppure soltanto nelle conoscenze tecniche, letterarie o scientifiche. Noi cristiani vorremmo vedere i nostri ragazzi (...)

    Segue...

  • Calendario

    il 12 agosto 2014

    I principali appuntamenti della parrocchia da scaricare sul tuo dispositivo.

    Segue...

  • Atti della comunità dei Santi Ilario e Taziano in Gorizia

    il 11 agosto 2014

    Gli Atti della Comunità dei Santi Ilario e Taziano in Gorizia Come abbiamo agito Anche nella nostra comunità abbiamo accolto l’invito di lasciarci coinvolgere dagli Atti degli Apostoli, guidati (...)

    Segue...

L’ultimo foglio INSIEME

La liturgia del giorno

video hasard

L'immagine del giorno

L'audio del giorno

Novità sul Web

Pastorale Giovanile - Arcidiocesi di Gorizia

Arcidiocesi di Gorizia

Ordine Francescano Secolare del Friuli - Venezia Giulia

Azione Cattolica Italiana | Homepage

Concordia et Pax (in costruzione)

Chiesa Cattolica Italiana

Galleria immagini di Pastor Angelicus Gorizia

Iscrizione alla newsletter

Ultimi articoli

  • Oltre la giustizia

    Rubrica La Parola della settimana il 21 settembre 2014

    Saranno rimasti convinti gli operai che hanno lavorato in vigna dal primo mattino dalle parole di quello strano padrone che ricompensa con la stessa cifra chi ha sudato dodici ore e chi invece un’ora soltanto? Il (...)

    Segue...

  • La gioia di evangelizzare

    Rubrica Evangelii Gaudium il 21 settembre 2014

    «Qui scopriamo un’altra legge profonda della realtà: la vita cresce e matura nella misura in cui la doniamo per la vita degli altri. La missione, alla fin fine, è questo. Di conseguenza, un evangelizzatore non dovrebbe (...)

    Segue...

  • Per la famiglia in piazza con Francesco

    Rubrica Dalla Chiesa italiana il 21 settembre 2014

    Alla vigilia del Sinodo dei Vescovi (5-19 ottobre 2014), dedicato alla famiglia, i vescovi italiani invitano a prendere parte a una preghiera pubblica e riflessione, che culminerà nell’intervento del Papa. Il (...)

    Segue...

  • Scuola genitori – la socializzazione

    Rubrica Educare oggi il 21 settembre 2014

    Gli ingredienti della socializzazione sono il tempo e lo spazio e dobbiamo cercare di farli coincidere. Creare cioè degli spazi fisici in cui i bambini abbiano del tempo per stare insieme liberamente, dosando con (...)

    Segue...

  • Agenda della settimana (21/09/14)

    Rubrica News il 21 settembre 2014

    Aperte le preiscrizioni al Catechismo in ufficio dalle 16.00 alle 17.30. Se sai suonare uno strumento o hai la voce, partecipa al Gruppo Musicale! Info da Martina o Laura. Iniziato il percorso verso il matrimonio (...)

    Segue...

  • Pillole di...

    Rubrica Pillole di... il 21 settembre 2014

    «Quel denaro è la vita eterna e in essa saranno tutti uguali: ciò che è egualmente eterno infatti non sarà per uno più lungo e per un altro più breve. Tutti vivranno una vita senza termine, ciascuno nel suo grado di (...)

    Segue...

  • Guardare al Signore

    Rubrica La Parola della settimana il 14 settembre 2014

    Dio "castiga" davvero? Così sembra, ascoltando il libro dei Numeri, che ci racconta la mormorazione del popolo durante il cammino nel deserto. Si lamentava, il popolo. Poco cibo, poca acqua, tanta fatica per il (...)

    Segue...

La Parola della settimana

Guardare al Signore

Dio "castiga" davvero? Così sembra, ascoltando il libro dei Numeri, che ci racconta la mormorazione del popolo durante il cammino nel deserto.

Si lamentava, il popolo. Poco cibo, poca acqua, tanta fatica per il cammino, il cibo donato da Dio che sembrava ormai diventato "meschino", insignificante.

Ma avevano il diritto di lamentarsi? Si. Avevano ragione? No. Avevano infatti cambiato la cornice del quadro che stavano dipingendo, modificato il titolo dell’avventura che stavano vivendo. Erano partiti con la gioiosa consapevolezza che il Signore Dio li stava portando via dalla pena della schiavitù verso la terra buona della libertà - e allora quelle fatiche del cammino erano sensate; ora, impercettibilmente, stavano subendo la perdita di quella memoria buona. Non lo ricordavano più l’amore del Signore. Restavano solo le fatiche del cammino.

E, benché stessero comunque andando verso la terra buona, non c’era più la cornice giusta, il titolo giusto al loro film. "Adesso ci manca ciò che vorremmo", sembrava essere la nuova storia di cui erano diventati protagonisti.

Come assomiglia quella situazione al primo grande peccato dell’uomo, in cui il paradiso terrestre, dall’essere dono meraviglioso del Creatore, diventò nell’immaginario dell’uomo angusta trappola che toglie la libertà!

E allora, una vicenda dolorosa che ha a che fare con la morte, come i serpenti velenosi che mordevano e facevano morire il popolo, può essere davvero un "castigo" di Dio?

Se aiuta a rientrare in se stessi, a ritrovare il senso della propria esistenza e del proprio cammino, se aiuta a guardare nuovamente verso l’alto, verso “Colui che hanno trafitto”, anche la sofferenza subìta si trasforma in sorgente di guarigione.

Alla fine, Dio ama questo mondo quasi più di suo Figlio, e per questo mondo ha lasciato passare il suo unico Figlio attraverso la morte.

O Padre, che hai voluto salvare gli uomini con la Croce del Cristo tuo Figlio, concedi a noi che abbiamo conosciuto in terra il suo mistero di amore, di godere in cielo i frutti della sua redenzione. Amen


Dal Vangelo di Matteo 18,21-35

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.

Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna».