Ricerca

Calendario

< Febbraio 2017 >
DOLUMAMEGIVESA
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728    
I santi del mese

Temi


Il tuo browser potrebbe avere problemi nell'utilizzare Java o Flash. Prova a ricaricare la pagina, se no peccato, sarebbe molto più carino se funzionasse... E se no, usa Firefox che funziona sempre

Agenda
Edito    notizie    Formazione adulti    Giovani    Bambini
Liturgie cittadine    Liturgie in parrocchia    Liturgie diocesane    Musica in Cattedrale    Incontri per i genitori
Catechisti    Attività caritative    Rosario    Monastero    S. Spirito
Gruppo Cresima    Cultura    Scoutismo    Audio    Video
Foto    Azione Cattolica Adulti    Conferenza S. Vincenzo    Gruppo missionario    Animatori
Incontri per fidanzati    Gruppo Chitarre    

News

Attività

  • Estate Insieme 2017

    il 2 luglio 2017

    Oltre 90 bambini iscritti, oltre 20 gli animatori, due le quadrate responsabili, per una nuova bella proposta della nostra comunità aperta ai ragazzi di tutta la città. Dalle 8.30 alle 12.30 dal (...)

    Segue...

  • Atti della comunità dei Santi Ilario e Taziano in Gorizia

    il 2 luglio 2017

    Gli Atti della Comunità dei Santi Ilario e Taziano in Gorizia Come abbiamo agito Anche nella nostra comunità abbiamo accolto l’invito di lasciarci coinvolgere dagli Atti degli Apostoli, guidati (...)

    Segue...

  • Estate Insieme

    il 1 luglio 2017

    Continua con grande gioia il nostro centro estivo al Pastor. Martedì 04/07 in mattinata incontro di tutti i centri estivi parrocchiali in piazza Vittoria con l’arcivescovo Carlo. Grazie alla (...)

    Segue...

Ultimi articoli

  • Capaci di perdono, grazie a Cristo

    Rubrica La Parola della settimana il 16 settembre 2017

    Ci stravolgono le parole odierne di Gesù. Se domenica scorsa ci ha insegnato come affrontare il conflitto, oggi a coloro tra noi che sono sprofondati nell’odio e nel desiderio di vendetta suggerisce come uscirne. Non (...)

    Segue...

  • Amore di padre

    Rubrica Amoris laetitia il 16 settembre 2017

    Dio pone il padre nella famiglia perché, con le preziose caratteristiche della sua mascolinità, «sia vicino alla moglie, per condividere tutto, gioie e dolori, fatiche e speranze. E perché sia vicino ai figli nella loro (...)

    Segue...

  • Nuovo Anno pastorale

    Rubrica Vivere da Cristiani il 16 settembre 2017

    Sarà l’attenzione ai giovani la guida per le azioni pastorali delle nostre comunità. Accogliendo l’invito di papa Francesco, tutta la Chiesa universale chiederà al Signore di avere uno sguardo di attenzione ai giovani, (...)

    Segue...

  • Agenda della settimana (17/09/17)

    Rubrica News il 16 settembre 2017

    Martedì 19/09 alle 20.30 in Sala Incontro a S. Rocco presentazione della Lettera Pastorale del Vescovo per i Consigli e gli operatori pastorali. Domenica 24/09, Gusti di frontiera, per la difficoltà di parcheggio ci (...)

    Segue...

  • Pillole di...

    Rubrica Pillole di... il 10 settembre 2017

    «Chi è il prossimo? Lo sappiamo, non dobbiamo cercarlo lontano: il prossimo è il fratello che ci passa vicino». (Chiara Lubich, +2008) «La prima qualità dell’amore cristiano è amare tutti». (Chiara Lubich, +2008) «Due (...)

    Segue...

  • Sentinelle, grazie Cristo

    Rubrica La Parola della settimana il 10 settembre 2017

    Oggi ci sorprendono le parole evangeliche del Signore Gesù e ci insegnano come far sì che Lui sia presente in mezzo a noi. E prende spunto dalla situazione più difficile in una relazione o in una comunità: il (...)

    Segue...

  • Amore di Madre

    Rubrica Amoris laetitia il 10 settembre 2017

    «Le madri sono l’antidoto più forte al dilagare dell’individualismo egoistico… una società senza madri sarebbe una società disumana, perché le madri sanno testimoniare sempre, anche nei momenti peggiori, la tenerezza, la (...)

    Segue...

La Parola della settimana

Capaci di perdono, grazie a Cristo

Ci stravolgono le parole odierne di Gesù. Se domenica scorsa ci ha insegnato come affrontare il conflitto, oggi a coloro tra noi che sono sprofondati nell’odio e nel desiderio di vendetta suggerisce come uscirne.

Non sussulteremmo anche noi a sentire di qualcuno che, dopo aver avuto condonato un debito di cinquanta milioni di euro, manda in galera un collega per un debito di soli cinque euro? Questo, più o meno, l’ordine di grandezza delle somme in gioco nella pungente parabola di Gesù.

Il Signore non vuole far saltare il sistema economico e la sicurezza sociale, evidentemente. Anche se un pensierino, però, potremmo davvero farlo sui grandi debitori, che non hanno pagato prestiti bancari di decine e decine di milioni di euro, facendo affondare banche intere e, con esse, migliaia di risparmi di una vita di gente comune.

Il Signore ci vuole mostrare in realtà il cuore del Padre, che "ha compassione" di noi che non riusciamo a stare al passo con la vita, che risultiamo sempre mancanti di attenzione all’altro, di tenerezza, di capacità di perdono.

La Chiesa ci fa ascoltare allora le parole del Siracide: "tu, che sei soltanto carne e conservi rancore, come potrai ottenere il perdono di Dio?" Lascia andare, allora, i cinque euro che devi legittimamente avere.

Guarda al Signore Gesù. A Pietro, che gli chiede se ci si può vendicare dopo aver perdonato ancora per la settima volta, il Signore Gesù risponde con le stesse parole del vendicativo Lamech: quello diceva "mi vendicherò settanta volte sette", e Gesù settanta volte sette chiede di perdonare. È capovolta ormai la logica umana del "te la farò pagare cara".

È il Signore dei vivi Cristo Gesù, dice San Paolo, perché oggi guida il nostro agire verso il bene. È il Signore dei morti, perché lo incontreremo faccia a faccia, usciti da questo mondo, nel suo Regno.


O Dio di giustizia e di amore, che perdoni a noi se perdoniamo ai nostri fratelli, crea in noi un cuore sempre più grande di ogni offesa, per ricordare al mondo come tu ci ami. Amen.


Dal Vangelo di Matteo 18,21-35

Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette».