Ricerca

Calendario

< Giugno 2017 >
DOLUMAMEGIVESA
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
I santi del mese

Temi


Il tuo browser potrebbe avere problemi nell'utilizzare Java o Flash. Prova a ricaricare la pagina, se no peccato, sarebbe molto più carino se funzionasse... E se no, usa Firefox che funziona sempre

Agenda
Edito    notizie    Formazione adulti    Giovani    Bambini
Liturgie cittadine    Liturgie in parrocchia    Liturgie diocesane    Musica in Cattedrale    Incontri per i genitori
Catechisti    Attività caritative    Rosario    Monastero    S. Spirito
Gruppo Cresima    Cultura    Scoutismo    Audio    Video
Foto    Azione Cattolica Adulti    Conferenza S. Vincenzo    Gruppo missionario    Animatori
Incontri per fidanzati    Gruppo Chitarre    

News

Attività

  • Estate Insieme

    il 1 luglio 2017

    Continua con grande gioia il nostro centro estivo al Pastor. Martedì 04/07 in mattinata incontro di tutti i centri estivi parrocchiali in piazza Vittoria con l’arcivescovo Carlo. Grazie alla (...)

    Segue...

  • Estate Insieme 2017

    il 24 giugno 2017

    Oltre 90 bambini iscritti, oltre 20 gli animatori, due le quadrate responsabili, per una nuova bella proposta della nostra comunità aperta ai ragazzi di tutta la città. Dalle 8.30 alle 12.30 dal (...)

    Segue...

  • Nuovo sito in costruzione della Cattedrale

    il 20 giugno 2017

    Ecco il nuovo sito, ancora in costruzione, della Cattedrale. Fateci pervenire osservazioni e suggerimenti, all’indirizzo mail: cattedrale@arcidiocesi.gorizia.it. Sarà per noi prezioso tenerne (...)

    Segue...

L’ultimo foglio INSIEME

La liturgia del giorno

video hasard

L'immagine del giorno

L'audio del giorno

Iscrizione alla newsletter

Ultimi articoli

  • Pazienti, grazie a Cristo

    Rubrica La Parola della settimana il 23 luglio 2017

    Non è ingenuo il Signore Gesù e conosce bene l’ostacolo più grande alla diffusione del suo Regno: lo scoraggiamento davanti alla forza apparente del male. Quando infatti vediamo un bene o degli innocenti calpestati (...)

    Segue...

  • Ampiezza mentale

    Rubrica Amoris laetitia il 23 luglio 2017

    Sviluppare l’abitudine di dare importanza reale all’altro. C’è bisogno di liberarsi dall’obbligo di essere uguali. È importante la capacità di esprimere ciò che si sente senza ferire; evitare un linguaggio moralizzante che (...)

    Segue...

  • Santi d’estate

    Rubrica Vivere da Cristiani il 23 luglio 2017

    Il tempo estivo celebra numerosi grandi santi della storia della Chiesa. Nel tempo più disteso delle vacanze, possiamo conoscerli meglio con la lettura, invocarli con la preghiera, visitare o pellegrinare verso (...)

    Segue...

  • Agenda della settimana (23/07/17)

    Rubrica News il 23 luglio 2017

    Le messe festive in duomo alle 9.00 – 11.30 19.00; in S. Ignazio alle 10.00. Le messe feriali in duomo alle 8.30 (Messa capitolare) e 19.00; in S. Ignazio alle 8.00. Lunedì 24/07 alle 9.00 in duomo celebriamo il (...)

    Segue...

  • Pillole di...

    Rubrica Pillole di... il 23 luglio 2017

    «Uno dei frutti più drammatici della nostra carenza di vita spirituale vera, lo si vede dalla nostra mancanza di decisioni vere, grandi, definitive». (Don Luigi Maria Epicoco) «Noi non siamo soli mai. Il problema è (...)

    Segue...

  • Responsabili, grazie a Cristo

    Rubrica La Parola della settimana il 15 luglio 2017

    Ci consolano le parole odierne del Signore e ci fanno comprendere che la nostra vita non è un combattimento solitario per generare auspicabilmente qualche cosa di buono. La nostra vita innanzitutto è ascolto delle (...)

    Segue...

  • Il dialogo

    Rubrica Amoris laetitia il 15 luglio 2017

    Il dialogo è una modalità privilegiata e indispensabile per vivere, esprimere e maturare l’amore nella vita coniugale e familiare. Invece di iniziare ad offrire opinioni o consigli, bisogna assicurarsi di aver (...)

    Segue...

La Parola della settimana

Pazienti, grazie a Cristo

Non è ingenuo il Signore Gesù e conosce bene l’ostacolo più grande alla diffusione del suo Regno: lo scoraggiamento davanti alla forza apparente del male.

Quando infatti vediamo un bene o degli innocenti calpestati ingiustamente, ci sentiamo abbattuti e sfiduciati. Pensiamo soltanto in questi giorni ai grandi incendi appiccati da delinquenti che hanno distrutto decine di migliaia di ettari dei nostri splendidi boschi. Più ancora alle terribili crudeltà perpetrate contro famiglie innocenti in Medio Oriente o alla fuga dall’Africa di milioni di giovani a causa della miseria e di inconfessabili interessi di sconosciuti potenti.

Oltre che scoraggiati, potremmo diventare arrabbiati e invocare metodi forti e mano pesante per ripristinare l’ordine infranto.

Il diavolo lo sa bene; però è così astuto da suggerire di rivoltarci contro i poveri e le vittime dei soprusi (pensiamo ad esempio ai barconi in mezzo al Mediterraneo), piuttosto che contro coloro che provocano tutto questo. E, senza dircelo, ci domandiamo dov’è Dio, giudice silenzioso o addirittura ingiusto.

Ecco perché sono straordinarie le parole che il Signore oggi ci rivolge. Ci rivelano che Egli è giusto, ma paziente; è forte, ma indulgente. Attende il cambiamento e il pentimento dell’uomo e sono i giusti stessi che devono sollecitarlo: amando e intervenendo nelle vicende del mondo. E soprattutto sapendo che c’è anche un domani in cui dovrà esserci spazio anche per il pentimento dei malvagi.

Gesù nel Vangelo frena lo zelo degli integralisti che vorrebbero già qui in terra (e nella Chiesa) dividere i buoni dai cattivi. Egli ci insegna che a noi è dato distinguere il bene dal male: giudizi e pene invece li comminerà il Signore, arbitro giusto e severo, alla fine della partita.

Ecco perché vogliamo affidarci allo Spirito Santo. Lui solo sa che cosa chiedere al Padre: non l’eliminazione immediata dei malvagi, cosa che non è possibile ora, ma una vita giusta e santa dei suoi figli, cosa che è possibile subito.


Ci sostenga, o Padre, la forza e la pazienza del tuo amore; perché si ravvivi la speranza di veder crescere l’umanità nuova, che il Signore al suo ritorno farà splendere come il sole. Amen.


Dal Vangelo di Matteo 13,24-43

«E i servi gli dissero: Vuoi che andiamo a raccoglierla?. No, rispose, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura».