Ricerca

Calendario

< Luglio 2017 >
DOLUMAMEGIVESA
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     
I santi del mese

Temi


Il tuo browser potrebbe avere problemi nell'utilizzare Java o Flash. Prova a ricaricare la pagina, se no peccato, sarebbe molto più carino se funzionasse... E se no, usa Firefox che funziona sempre

Agenda
Edito    notizie    Formazione adulti    Giovani    Bambini
Liturgie cittadine    Liturgie in parrocchia    Liturgie diocesane    Musica in Cattedrale    Incontri per i genitori
Catechisti    Attività caritative    Rosario    Monastero    S. Spirito
Gruppo Cresima    Cultura    Scoutismo    Audio    Video
Foto    Azione Cattolica Adulti    Conferenza S. Vincenzo    Gruppo missionario    Animatori
Incontri per fidanzati    Gruppo Chitarre    

News

Attività

  • Estate Insieme 2017

    il 24 giugno 2017

    Oltre 90 bambini iscritti, oltre 20 gli animatori, due le quadrate responsabili, per una nuova bella proposta della nostra comunità aperta ai ragazzi di tutta la città. Dalle 8.30 alle 12.30 dal (...)

    Segue...

  • Corpus Domini

    il 10 giugno 2017

    Giovedì 15/06 celebriamo il Corpus Domini, festa in cui riconosciamo e rendiamo omaggio alla presenza tra noi di Gesù risorto nell’Eucaristia, sino alla fine dei tempi. Alle 20.00 la S. Messa in (...)

    Segue...

  • Calendario

    il 12 aprile 2017

    I principali appuntamenti della parrocchia da scaricare sul tuo dispositivo.

    Segue...

L’ultimo foglio INSIEME

La liturgia del giorno

video hasard

L'immagine del giorno

L'audio del giorno

Iscrizione alla newsletter

Ultimi articoli

  • Fiduciosi, grazie a Cristo

    Rubrica La Parola della settimana il 24 giugno 2017

    Ci colpisce la figura del profeta Geremia, nella lettura odierna: innocente, innamorato di Dio e attentissimo alle Sue parole, le fa conoscere con passione al popolo, ai suoi sacerdoti e governanti. Ma in cambio (...)

    Segue...

  • Tutta la vita

    Rubrica Amoris laetitia il 24 giugno 2017

    Chi vive intensamente la gioia di sposarsi non pensa a qualcosa di passeggero; i figli non solo desiderano che i loro genitori si amino, ma anche che siano fedeli e rimangano sempre uniti. Questi e altri segni (...)

    Segue...

  • Estate Insieme 2017

    Rubrica Oratorio il 24 giugno 2017

    Oltre 90 bambini iscritti, oltre 20 gli animatori, due le quadrate responsabili, per una nuova bella proposta della nostra comunità aperta ai ragazzi di tutta la città. Dalle 8.30 alle 12.30 dal lunedì al venerdì, (...)

    Segue...

  • Agenda della settimana (25/06/17)

    Rubrica News il 24 giugno 2017

    Le offerte odierne vanno a favore di papa Francesco per l’Obolo di S. Pietro. Le messe feriali in duomo alle 8.30 (capitolare) e 19.00; in S. Ignazio alle 8.00. Il Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici si (...)

    Segue...

  • Pillole di...

    Rubrica Pillole di... il 24 giugno 2017

    «È cristiano chi non cerca più salute, salvezza e giustizia in se stesso, ma solo in Gesù Cristo… Dalla parola di Dio in Gesù Cristo gli viene salvezza, beatitudine, giustizia». (D. Bonhoeffer, +1945) «Per amore dell’uomo (...)

    Segue...

  • Coinvolti, grazie a Cristo

    Rubrica La Parola della settimana il 18 giugno 2017

    Che straordinaria la nostra vita quando si lascia coinvolgere da Cristo! La scintilla che fa scaturire il grande fuoco ce l’accende l’apostolo Paolo: “Dio dimostra il suo amore verso di noi nel fatto che, mentre (...)

    Segue...

  • Carità coniugale

    Rubrica Amoris laetitia il 18 giugno 2017

    «Quando un uomo e una donna celebrano il sacramento del Matrimonio, Dio si “rispecchia” in essi, imprime in loro i propri lineamenti e il carattere indelebile del suo amore. Il matrimonio è l’icona dell’amore di Dio per (...)

    Segue...

La Parola della settimana

Fiduciosi, grazie a Cristo

Ci colpisce la figura del profeta Geremia, nella lettura odierna: innocente, innamorato di Dio e attentissimo alle Sue parole, le fa conoscere con passione al popolo, ai suoi sacerdoti e governanti. Ma in cambio riceve risentimento, odio, violente persecuzioni fisiche e morali. E ci domandiamo come mai il bene e i buoni a volte sono perseguitati, stracapiti, umiliati in nome, ad esempio, di interessi economici, di poteri forti magari non visibili, di prevaricatori di deboli che spadroneggiano impunemente su di loro. Come non pensare e non sentirci vicini ai nostri connazionali oppressi dalle mafie e associazioni varie a delinquere? Come non pensare a tanti migranti che fuggono dalle proprie terre alla ricerca di pace e benessere e che cadono nelle mani di trafficanti sadici ed esosi? Come non pensare a tanti nostri fratelli cristiani che, in diverse parti del mondo, vedono infierire su di sé l’opinione pubblica o le autorità dei loro paesi, che osteggiano i seguaci di Gesù e del suo Vangelo?

L’apostolo Paolo ci ha messi in guardia: il peccato è entrato nel mondo per la sconsideratezza dell’essere umano, e con il peccato è entrata pure la morte. E tutti ne siamo vittime: e dell’uno e dell’altra.

Gesù conosce tutto questo, e sa bene che i suoi amici dovranno patire ingiustamente. Perciò, per ben tre volte ci invita a non avere paura degli uomini che dicono falsità su di noi: la verità alla fine verrà messa in luce.

Ci invita a non aver paura neppure di coloro che possono far del male al nostro corpo. Noi siamo molto più di esso e agli occhi del Padre siamo assai preziosi: non ci lascerà perire. Ci chiede di restare fedeli a Lui, alla sua Parola. E anche se qui da noi non abbiamo problemi di persecuzioni e di torture, di non nasconderlo davanti ai nostri simili.

Così il Regno di Dio avanzerà e il peccato e la morte indietreggeranno.


Donami, o Padre, di vivere sempre nella venerazione e nell’amore per il tuo santo nome: tu non privi mai della tua guida coloro che hai stabilito sulla roccia del tuo amore. Amen.


Dal Vangelo di Matteo 10,26-33

«Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze».